La casa di Babbo Natale – parte II

20151115_202938Come anticipato nel post precedente, la nostra visita è inziata abbastanza presto. Qualche minuto prima delle 9.oo eravamo già al parcheggio (decisamente poco economico) del castello. Un altro pro dell’aver scelto quell’orario è che abbiamo parcheggiato in uno spiazzo semi-vuoto e non abbiamo fatto nessuna fila nè per pagare il parcheggio, nè per fare i biglietti.

Per entrare nel castello abbiamo dovuto lasciare i passeggini fuori (anche quì, quando siamo arrivati ce n’erano 4 messi in croce mentre all’uscita erano tantissimi). Dal momento che tutti e tre i nanetti ormai non hanno problemi a camminare, non è stato un grande problema. Immagino che se qualcuno fosse andato con una carrozzina però, avrebbe avuto qualche difficoltà in più.

Appena entrati Continua a leggere

Annunci

La casa di Babbo Natale

DSC_1284

Ci vuole una piccola premessa.

Gli ultimi due inverni sono stati terrificanti. Per farmi capire subito come sarebbero andati, hanno giocato d’anticipo e hanno lanciato i primi segnali già a metà ottobre. Due anni fa è stato il primo (ed unico) anno di Manuel al nido e io avevo le sembianze di una balena incinta. Lo scorso anno invece ci ha pensato il nuovo arrivato.

La loro tabella di marcia prevedeva che il venerdì bisognava TASSATIVAMENTE ammalarsi. Gli unici fine settimana in cui sono stati bene, guarda un po’, il papà doveva lavorare.

Quest’anno invece (non vorrei dirlo ad alta voce, per paura di portarmi jella da sola) siamo a metà dicembre e fino ad ora si sono ammalati  poco. Sì, ok, Manuel ha avuto pure la ricaduta, ma visto che si é alternato col fratello, è stata un’unica botta da 10 giorni. Rispetto ai loop da un mese per volta dell’anno scorso, è sembrata una passeggiata.

Mettici pure che il martirio da qualche tempo ha cambiato mansioni e ha qualche domenica libera in più… e mamma Silvia si sente come un carcerato appena rimesso in libertà! Continua a leggere